Come evitare che il cane si sfili il collare

Come evitare che il cane si sfili il collare

Come evitare che il cane si sfili il collare

Il quesito iniziale

Quando adottiamo un cane tra le tante domande che ci poniamo c’è anche quella relativa a quali siano gli accessori migliori da acquistare per condurli a passeggio.
Sarà necessaria una mantellina per quando piove e un cappottino per quando fa freddo? 

Che tipo di guinzaglio dovrò utilizzare?

Meglio il collare o la pettorina?

La risposta ad ognuna delle seguenti domande ovviamente varia in funzione delle caratteristiche fisiche e comportamentali di ciascun cane.

Ad esempio i cani di taglia molto piccola e con un pelo raso, come ad esempio i chihuahua, rispetto a quelli dal folto mantello, possono in effetti beneficiare, durante la stagione invernale, di un cappottino in grado di proteggerli dal freddo.

In merito al collare o alla pettorina e a quale modello sia più indicato, è facile essere disorientati dalla vasta offerta presente online e nei negozi.

Qui mi soffermo su coloro che vorrebbero scegliere il collare ma che infine decidono di optare per la pettorina a seguito delle ripetute fughe messe in atto dal proprio cane dopo essersi sfilato il collare.

Fughe che comportano un rischio elevato per il nostro cane!

 

Perché il cane si sfila il collare?

Ci sono due motivazioni principali, la prima è la scelta errata della misura del collare, la seconda è il posizionamento errato sul collo del cane.

Nella maggioranza dei casi l’errore più comune è quello di aver posizionato il collare nel punto sbagliato.

Il collo dei nostri cani infatti si caratterizza per essere una sorta di tronco di cono, e pertanto la base, ossia la porzione più vicina alle spalle, risulta essere di circonferenza maggiore rispetto a quella del suo apice, la base della testa.

Questo significa che se regoliamo il collare in funzione alla misura della base del collo, per il nostro cane sarà molto facile, quando non vorrà seguirci a passeggio, indietreggiare e riuscire così a sfilarsi dalla imbracatura e sfuggire poi al nostro controllo con tutti i rischi annessi, soprattutto in città.

Come posizionare il collare al cane in modo corretto

Come regolare correttamente la misura del collare

Il consiglio è quello di scegliere come riferimento l’apice del collo per posizionare il collare, avendo cura di sistemarlo prendendo come misura di riferimento la circonferenza subito dietro le orecchie.

Tale circonferenza è infatti inferiore a quella della base della testa, evitando così brutte sorprese.

Una volta posizionato il collare dovremmo stringerlo lasciando come spazio tra il collo del cane e il collare, la distanza di un dito.
In questo modo impediremo al nostro Amico a 4 Zampe di sfilarselo ma nello stesso tempo, pur essendo aderente, non andrà a comprimere la cute, i vasi e i nervi più superficiali.

Qui sotto trovi il video dove spiego esattamente come far indossare il collare al tuo cane.

Buona passeggiata, in sicurezza!

Un saluto 
Doc Rendini

Riproduci video su Come posizionare il collare al cane in modo corretto

Questo argomento ti interessa e vuoi approfondire?

Qui trovi una serie di risorse realizzate da me, medico veterinario comportamentalista.

Potranno esserti molto utili per orientarti in un universo di informazioni spesso confusionarie e disorganizzate:

Hai un cucciolo? Ecco la guida perfetta per crescerlo nel migliore dei modi, costruendo un’amicizia meravigliosa: ecco il link

Lo sapevi che l’alimentazione è uno dei motivi che influisce sul comportamento del tuo amico a 4 zampe?
Così come per una macchina, anche per un essere vivente, il nutrimento è fonte di qualità di vita e serenità.
Qui trovi la guida per scoprire tutto quello che devi sapere per prenderti cura, con semplicità, dell’alimentazione del tuo cane.

Qui trovi un link per iscriverti gratuitamente al corso introduttivo sul comportamento del cane. L’iscrizione è veloce e accederai a contenuti esclusivi e molto utili per l’armonia con il tuo amico a 4 zampe.

Se ti interessa il mio lavoro di medico veterinario comportamentalista, qui trovi un libro con 10 casi che ho trattato in questi ultimi anni.