Patentino per i proprietari di cani? Animalia, La Stampa 7/11/2018

Diego Rendini
2 March 2019

Patentino per i proprietari di cani? Che ne pensate?

Da molti anni si sente parlare di patentino e di corsi per i proprietari di cani.

Purtroppo tale iniziativa non solo non è stata portata avanti con i risultati sperati ma tuttora l’adesione a tali percorsi formativi resta facoltativa.

L’obiettivo delle varie Ordinanze Ministeriali in materia di Tutela della Incolumità Pubblica dalla Aggressione dei Cani è sempre stato quello di ridurre al minimo il rischio di episodi di morsicatura da parte dei cani, attraverso la responsabilizzazione e la formazione dei proprietari.

Il Concetto è molto semplice, se vuoi un cane, devi conoscere nozioni teoriche e tecniche pratiche che ti permettano di integrarlo nella tua famiglia e nella società. D’altronde se voglio acquistare un’auto lo posso fare ma se non voglio tenerla chiusa in un garage per sempre, dovrò imparare a guidarla; sarà pertanto obbligatorio frequentare un corso per conseguire la patente e permettermi di condurla sulle strade come fanno tutti gli altri automobilisti.

Nel caso dei nostri fedeli amici con la coda la situazione attuale è un po’ diversa: se vuoi puoi scegliere il cane che più ti piace (anche se adulto peserà 80 kg e se in passato era utilizzato per tenere alla larga gli orsi dal bestiame).

Se poi per qualche strana ragione, si verifica un incidente, come ad esempio attacca un cane o una persona che incrocia sul marciapiede o morde un membro della famiglia, allora, forse potresti essere invitato a fare una visita comportamentale per capire la reale pericolosità del tuo cane e come fare per gestirlo al meglio. In pratica è come se potessimo comprare un’auto, guidarla senza patente e nel caso di incidente venissimo invitati a fare un corso per imparare a guidarla e per acquisire nozioni su cartelli stradali etc.

Ovviamente avere una formazione su come un cane comunica, su quali sono le sue reali esigenze, su come gestirlo in casa e a passeggio permetterebbe di rendere la convivenza non solo più sicura ma anche più piacevole e completa. Naturalmente se il cane in questione presenta dei disturbi del comportamento il proprietario potrà rivolgersi anche a un esperto che potrà aiutarlo a risolvere i problemi riscontrati tramite dei programmi specifici. Non è una questione di razze più o meno pericolose ma di consapevolezza!

Diego Rendini Sono un Veterinario per passione! Il mio amore per gli animali cresce ogni volta che il mio sguardo incrocia quello di un Amico a 4 zampe… Lo guardo e lo sento, lo capisco, riesco ad entrare in empatia coi suoi sentimenti, i suoi bisogni, le sue sofferenze.